Logo Studio Medico - Nadia Fraone
Medicina Estetica

La Medicina Estetica ha svolto negli ultimi 20 anni un importante ruolo medico e sociale: quello di medicina preventiva e fisiologica.
Il concetto di bello proposto è il bello uguale a sano.
Read More

Check-Up Cutaneo

Il Check-Up Cutaneo è uno degli esami fondamentali in Medicina Estetica.
Prevede una valutazione clinica e strumentale che permette di formulare una corretta e personalizzata prescrizione cosmetica.
Read More

Cosmetologia

La Cosmetologia è la scienza che studia il prodotto cosmetico in ogni suo aspetto: la formulazione, la valutazione di sicurezza ed efficacia, la commercializzazione ed in particolare, studia il prodotto cosmetico nella sua interazione con la pelle.

Medicina Anti-Aging

La Medicina Antiaging è la medicina del futuro, poichè la prevenzione e lo sviluppo di tutte le potenzialità del nostro organismo ci garantiscono di vivere attivamente e nel migliore dei modi in tutte le età della nostra esistenza.

Dietoterapia

La Dietoterapia consiste nell'utilizzo di un regime dietetico come mezzo di prevenzione e cura di malattie o loro complicanze. Una corretta alimentazione è infatti un elemento fondamentale per il benessere del nostro organismo.

Primo Piano

Carbossiterapia per eliminare Adiposità localizzate e Cellulite
Giudizio:   

Carbossiterapia per eliminare Adiposità localizzate e Cellulite

La carbossiterapia nasce nel 1932 in Francia, nella stazione termale di Royat (Clermont-Ferrand), per il trattamento di patologie vascolari e, in particolare, in pazienti con arteriopatie periferiche.
Il trattamento consisteva nella somministrazione di anidride carbonica per via percutanea attraverso bagni carbo-gassosi secchi o bagni in acqua carbonica (CO2 99,4%).

In Italia la carbossiterapia è stata importata sin dagli anni novanta presso la stazione termale di Rabbi (TN) che possiede le stesse caratteristiche termali dei bagni francesi.

Successivamente veniva affinata la tecnica di somministrazione del gas introducendolo sottocute (via transcutanea e sottocutanea) con l’utilizzo di un’apparecchiatura in grado di erogare CO2 in modo controllato con dosaggi e tempi d’erogazione ridotti e ben definiti e ne ha consentito l’uso ambulatoriale, non solo nelle arteriopatie periferiche, ma in una vasta gamma di patologie, tra le quali la panniculopatia edematofibrosclerotica (PEFS), le adiposità localizzate, le sindromi acrocianotiche.
Recente la carbossiterapia può essere un valido trattamento complementare per l’invecchiamento cutaneo e per migliorare l’elasticità dei tessuti.

Che cos’è l’anidrice carbonica?

CO2 è un gas inodore, incolore di carbonio biossido e rappresenta con l’acqua il prodotto finale del metabolismo degli esseri viventi; essa diffonde rapidamente nel torrente circolatorio dove è trasportata sotto forma di ione bicarbonato, in parte combinata chimicamente con l’emoglobina e le proteine plasmatiche e in parte in soluzione a una tensione di circa 46 mmHg nel sangue venoso; trasportata ai polmoni viene eliminata, alla stessa velocità con cui è prodotta, lasciando una PCO2 di circa 40 mmHg negli alveoli e nel sangue arterioso.

Qual è l’azione del gas iniettato sottocute?

  • AZIONE SULLA CIRCOLAZIONE: la CO2 determina una vasodilatazione diretta e conseguente aumento della velocità del flusso sanguigno e l’apertura di capillari virtuali normalmente chiusi in condizioni parafisiologiche favorendo una maggiore biodisponibilità di ossigeno ai tessuti.
  • AZIONE SUL GRASSO: gli effetti della CO2 sul tessuto adiposo sono un effetto lipolitico diretto (si tratta di vere e proprie “fratture degli adipociti”!) legato all’azione meccanica del flusso del gas iniettato nell’ipoderma, senza che vi sia danno a carico degli altri tessuti e un effetto lipolitico indiretto legato alla capacità del gas di aumentare la biodisponibilità dell’ossigeno (potenziamento dell’effetto Bhor) per le attività metaboliche dell’adipocita, tra cui i processi ossidativi degli acidi grassi. Un ulteriore effetto “bruciagrassi” potrebbe essere dovuto dall’attivazione meccanica di specifici recettori cutanei (corpuscoli di Golgi e Pacini) e la liberazione di molecole (bradichinina, serotonina...) che attiverebbero, attraverso complessi meccanismi biomolecolari, numerosi sistemi enzimatici comprese le lipasi intra-adipocitarie, ottenendo,così, l’idrolisi dei trigliceridi.
  • RIATTIVAZIONE DEL METABOLISMO CELLULARE (si riattivano gli enzimi in grado di sciogliere i grassi).
  • AZIONE SULLA CUTE: migliora in generale l’aspetto della pelle che risulta più tonica, più compatta , più luminosa; ciò è dovuto all’aumento del flusso sanguigno, all’ossigenazione dei tessuti e all’azione sul fibroblasto, la cellula in grado di produrre acido ialuronico e collagene e fibre elastiche (analizzando una cute trattata al microscopio si è osservato un ispessimento di uno strato cutaneo, il derma, determinato dall’aumento delle fibre elastiche e collagene).

NESSUN RISCHIO PER LA SALUTE: L’ANIDRIDE CARBONICA È ATOSSICA, BATTERIOLOGICAMENTE PURA E NON PROVOCA EMBOLIA.

Come si svolge una seduta di carbossiterapia?

La somministrazione del gas viene effettuata con un’apparecchiatura certificata che permette di erogare il gas in modo controllato. Una seduta dura all’incirca 15 minuti. Il numero delle sedute e la scelta di sede e flusso terapeutico variano in base alla patologia da trattare (da 6 a 10 sedute per un primo ciclo). I cicli terapeutici possono essere ripetuti 2 o 3 volte l’anno.

Usi terapeutici dell’anidride carbonica

Patologie vascolari
L’importante vasodilatazione causata dalla terapia determina un aumento del letto venoso e la riduzione del carico volumetrico e pressorio sulle vene insufficienti e varicose. Si determina, dunque, un netto miglioramento di tutte le patologie caratterizzate da stasi venosa. I disturbi funzionali quali l’ischemia degli arti inferiori per una arteriopatia (claudicatio di varia eziologia) ed organici (ulcere) sono senza dubbio determinati dalla riduzione dell’apporto dell’O2 ai tessuti: diabete mellito e patologia ostruttiva ne rappresentano le cause più frequenti. La carbossiterapia determina un’aumentata biodisponibilità di O2 ai tessuti: per tale motivo il trattamento si è dimostrato efficace nel migliorare sia i disturbi funzionali che la cicatrizzazione delle ulcere. Un altro aspetto da non sottovalutare è la capacità della carbossiterapia di ridurre la sintomatologia dolorosa legata alla patologia ulcerosa e di migliorare, in caso di ulcere profonde, l’attecchimento di lembi o innesti di cute. Un’ulteriore azione della carbossiterapia è la riduzione della evidenziazione di teleangectasie e/o vene reticolari, riducendo, dunque, la necessità di ricorrere alla scleroterapia.

Sindromi acro cianotiche
Più frequenti sono la Sindrome e il fenomeno di Raynaud. Non sottovalutando la possibile eziopatogenesi autoimmune di tali patologie, che necessitano in tal caso di terapie specifiche, la carbossiterapia può essere una valida terapia per il miglioramento del microcircolo e la riduzione dei sintomi (dolore, formicolio) e dei segni (cianosi, ovvero dita delle mani o piedi bluastre, estremità fredde).

Panniculopatia edematofibrosclerotica (CELLULITE)
Nella cosiddetta “cellulite” o meglio sindrome cellulitica, ruolo patogenetico più importante è svolto sia dall’alterazione del microcircolo (microangiopatia da stasi) sia da alterazioni istomorfologiche (aggregazione adipocitaria e fibrosi). Considerando, dunque, l’azione che la CO2 ha sul microcircolo e sui tessuti, comprendiamo come la carbossiterapia abbia un razionale scientifico per il trattamento di tale affezione.

Adiposità localizzate
Localizzate prevalentemente all’addome, regioni trocanteriche, regione antero-mediale delle cosce e parte mediale delle ginocchia. La carbossiterapia è in grado di agire sia con un effetto lipolitico diretto legato a flussi elevati (presenza di fratture adipocitarie e presenza di materiale lipidico nell’interstizio) sia con effetto lipolitico indiretto legato all’amplificazione dell’effetto Bhor e all’attivazione recettoriale (vedi sopra). Il gas inoltre è in grado di ricanalizzare i capillari compressi dagli adipociti.

In virtù dell’azione sul microcircolo e sulla capacità di determinare un enfisema sottocutaneo tale da “scollare” i tessuti medio-profondi, a tal punto da avere un’azione molto simile a quella di una liposcultura, la carbossiterapia può avere diverse applicazioni in Dermatologia:

  • Ringiovanimento cutaneo di collo e scollo: migliorando la circolazione migliora anche l’idratazione della cute e il tono cutaneo.
  • Trattamento delle rughe del volto: l’iperossigenazione dei tessuti determina una riattivazione metabolica in tutti gli strati della pelle e coinvolge anche il fibroblasto, la cellula responsabile della produzione di collagene, elastina e acido ialuronico: pertanto tale trattamento rappresenta un vero e proprio trattamento biostimolante inducendo il fibroblasto a produrre le molecole della giovinezza.
  • Rilassamenti cutanei di addome (post-gravidico), di braccia e coscie (post-dimagrimento): miglioramento tono cutaneo.
  • Trattamento di smagliature e cicatrici chirurgiche: migliorando l’elasticità cutanea sia smagliature che cicatrici appaiono meno evidenti.
  • La carbossiterapia è propedeutica per l’intervento chirurgico di lipoaspirazione e addominoplastica: migliora il risultato dell’intervento e abbrevia i tempi di recupero postoperatori.

Tossicità , effetti collaterali e controindicazioni

Non esiste alcuna tossicità. La CO2 é un normale metabolita cellulare e possiamo, a ragione, definirla un FARMACO NATURALE. Gli effetti collaterali sono una modesta dolorabilità locale, fugace, talvolta sensazione di arto pesante e lieve crepitio sottocutaneo. E’ controindicata in gravidanza, in caso di infarto acuto e di gravi malattie renali e polmonari.

Consulenza online

Galleria Fotografica

Congresso Nazionale della Società Italiana di Medicina Estetica
PubMed

PubMed

Database bibliografico di informazione medica prodotto dal National Center for Biotechnology Information.

Read More
Blog

Blog

Consigli, riflessioni, novità scientifiche e commenti sulla medicina e la chirurgia estetica. Blog della dott.ssa Nadia Fraone

Read More
Blog

Galleria Fotografica

Raccolta fotografica con alcune foto scattate in occasione di congressi, viaggi ed eventi della dott.ssa Nadia Fraone

Read More

News

Burkina Kamba: La Mia AFRICA

Siamo un gruppo di amici la cui missione è migliorare, attraverso azioni dirette e concrete, le condizioni di vita dei bambini del Sahara e del Sahel.

Read More
38° Congresso Nazionale della SIME

Il Congresso SIME rappresenta l'evento di maggiore rilevanza scientifica nell'ambito della Medicina Estetica italiana.
Si terrà a Roma dal 12 al 14 maggio 2017 presso il Centro Congressi Rome Cavalieri, Waldorf Astoria Hotels & Resorts.

Read More

Primo Piano

Ormai da diversi anni, il laser è entrato a pieno titolo tra gli strumenti utili al medico in fase terapeutica chirurgica.

Read More

Con il termine carbossiterapia si intende la somministrazione sottocutanea di un gas, l'anidride carbonica, a scopo terapeutico.

Read More

La medicina estetica ed antiaging ha avuto negli ultimi anni un forte impulso, proponendo una miriade di strategie “curative” e preventive dalla differente invasività.

Read More